Home / Leadership / La revisione dei gradini della Scala di Inferenza

La revisione dei gradini della Scala di Inferenza

completata la fase precedente di razionalizzazione ed enunciazione dei reali obiettivi che ci portano a ricercare il confronto, è opportuno ora rivedere i passaggi legati ai singoli gradini della scala di inferenza per arrivare ad una comprensione di maggiore profondità.

Inizieremo con la revisione del gradino dei fatti: a questo scopo immaginate come un “osservatore esterno” avrebbe potuto descrivere gli episodi che hanno portato a costruire i “fatti” ed i “dati selezionati”. Questo osservatore avrà due caratteristiche interessanti:

  • essendo collocato al di fuori di voi stessi, non avrà il quadro chiaro e vivamente sentito dei vostri pensieri. Tenderà a farsi un’idea dei vostri comportamenti basandosi esclusivamente sull’analisi esterna; quello che dite, come lo dite, il vostro linguaggio corporeo, etc..
  • sarà probabilmente più ben disposto di voi nel cercare di comprendere  pensieri e comportamenti dell’altra parte in quanto non coinvolto emotivamente.

scalaInferenza_1Non c’è dubbio che l’osservatore potrà meglio di voi essere equidistante e porsi le giuste domande per comprendere meglio i fatti. L’essere parte in causa e quindi schierati rende voi ed il vostro interlocutore necessariamente meno capaci di valutare con distacco il punto di vista reciproco.

Rivedete quindi il gradino dei dati selezionati. Abbiamo visto in precedenza che durante questa fase si cercano conferme alle proprie supposizioni: se iniziamo a farci l’idea che il nostro responsabile tenda a rimproverarci troppo spesso ed ingiustamente, andremo spontaneamente a ricercare intorno a noi evidenze di altri accadimenti nei quali si evince proprio quel comportamento!

Per una corretta revisione di questo gradino il consiglio è quello di fare esattamente l’opposto: cercate la presenza confutazioni all’idea che vi state costruendo. Magari potreste scoprire che proprio nello stesso periodo egli stava continuando a comportarsi nel modo consueto a giudizio di molti dei vostri colleghi. Addirittura andate a scandagliare nello specifico proprio i singoli episodi che mi sono sembrati chiara testimonianza del vostro convincimento: quello che per voi può essere stato l’ennesimo rimprovero ingiusto ed inopportuno potrebbe essere stato percepito da chi vi era intorno come un atteggiamento corretto e professionale, perfino cortese nei modi.

Proseguendo, sarà piuttosto immediato ricostruire i successivi due gradini: rivedete sia la fase delle Assunzioni sia quella delle Conclusioni. Sarà cambiata la vostra percezione dei fatti, delle posizioni reciproche, con grande probabilità il substrato sul quale poggiavano le vostre assunzioni sarà diventato inconsistente e queste ultime andranno ripensate. Provate quindi a metterle in discussione ad esempio esercitandovi a delineare due o tre scenari alternativi nei quali le assunzioni possono essere anche totalmente differenti da quelle iniziali e quindi le conclusioni sono lontane dalle precedenti.

Likes(0)Dislikes(0)

About Emanuele Donati

Emanuele Donati
Interested in innovative and challenging projects. Trying to anticipate innovation through full understanding of technologies and their fields of application. Improving human - machine interaction and fruition of new technologies for large masses.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*